Cultura abitativa

Vivere nel presente e nel futuro

Tre allestimenti come installazioni


Sternbach lavora con menti giovani e creative in un processo artistico per sviluppare concetti per l’abitare all'avanguardia e ne ricava visioni per il futuro dell’abitare. L'obiettivo principale è quello di rendere le persone consapevoli di cosa può significare abitare.

In quale ambiente spaziale si può vivere bene? Dove e come ci si sente al sicuro? Di quali arredi si ha bisogno per sentirsi al sicuro? Come si vorrebbe vivere nel futuro? Si avrà bisogno di oggetti concreti? Di cosa si può fare a meno? Quali sono gli oggetti preferiti e perché? Come definiamo la nostra identità attraverso i nostri arredi? Cosa vogliamo trasmettere ai visitatori dei nostri spazi privati? Quanto devono essere flessibili le situazioni abitative per poter reagire alla nostra vita?

Interpreti: Anna Ammerer, Patrizia Feichter, Jonathan Niederbrunner

Gestione: Walli Stecher
Foto: Lorenz Sternbach

Accenno: Questo progetto è un'idea continuativa - Se vuoi contribuire con le tue idee a questo progetto, scrivici!

Anna Ammerer - Brunico


Tre persone diverse scelgono un oggetto qualsiasi dall'assortimento del negozio. Oltre a questi oggetti, le persone combinano altri oggetti - sia del negozio che della loro collezione privata. In questo modo vengono a crearsi degli ambienti di vita intimi. Gli oggetti selezionati vengono inoltre installati e disposti in una stanza e documentati fotograficamente.

In questo modo, le persone definiscono anche quale stanza di un appartamento è la più significativa per loro (soggiorno, camera da letto, cucina, ...). Si creano immagini sensibili di singoli mondi di prodotti, le persone ne sono parte integrante e interagiscono con gli oggetti selezionati.

Patrizia Feichter - Luttago


Le installazioni funzionano in modo associativo e intuitivo. L’osservatore delle immagini dovrebbe essere stimolato dagli allestimenti raffigurati per riflettere consapevolmente sulle situazioni abitative e allo stesso tempo essere ispirato dalla selezione dei collaboratori.

Jonathan Niederbrunner - Rio Bianco